Analisi sulle performance economico-finanziarie delle società partecipate attive nel settore del trasporto pubblico locale.

Scopo dell’analisi è quello di identificare, tra il campione di partecipate individuate, quelle che sulla base di determinati parametri economico-finanziari potessero essere definite come best performers.

Questa prima fase di studio è propedeutica ad una seconda fase dell’analisi di carattere maggiormente operativo, nella quale le best performers individuate saranno analizzate dettagliatamente, in modo da comprenderne le prassi direzionali, operative ed economico-finanziarie che sono alla base del loro efficiente funzionamento. Da ciò potrà ricavarsi la teorizzazione di un modello gestionale tipo, efficace ed efficiente, da potersi applicare all’intero universo di società partecipate impegnarte nel settore del TPL.

Lo studio si apre con una panoramica generale sul settore del TPL.

Il focus sulle partecipate impegnate nel TPL si concentra su: numero di partecipate nel TPL e incidenza rispetto all’intero settore; andamento del numero di partecipate nel TPL; peso delle società partecipate sul settore del TPL, in termini di passeggeri trasportati, vetture-km effettuate; valore della produzione e addetti impiegati; evoluzione dei principali parametri economico-gestionali, e cioè percorrenze; numero di passeggeri; parco mezzi; addetti impiegati; risultato di esercizio.

Thumbnail

Conclusa la parte più strettamente teorica, lo studio si completa della fase operativa, finalizzata come detto ad individuare, sulla base di specifici indicatori di redditività, finanziari e di produttività, le partecipare maggiormente performanti. Punto di partenza è stata l’individuazione del campione di analisi.

Il database dell’Osservatorio comprende le partecipazioni possedute direttamente dai seguenti soggetti: Enti ministeriali, Regioni, Province autonome, Città Metropolitane e Comuni con più di 50.000 abitanti. 

Dal database, sono state isolate le società impegnate nel settore del trasporto pubblico locale. Il risultato è un campione di 66 società, che diventano 55 se si considerano le società per quale i bilanci sono disponibili su AIDA. Per rendere l’analisi attendibile, il campione è stato suddiviso in tre cluster dimensionali sulla base dei parametri forniti dalla Raccomandazione 2003/361/CE:

Come prima cosa è stato effettuato un confronto tra i valori mediani del campione e quelli dell’intero settore.

In seguito sono stati individuati e calcolati tre specifici indicatori utili ad analizzare la performance delle società del campione dal punto di vista finanziario, della redditività e della produttività:

Dall’analisi incrociata dei tre indicatori sono state individuate, per ogni cluster, le società che offrono le migliore performance e quelle più in difficoltà.

Questa distinzione sarà fondamentale per l’individuazione di un modello gestionale teorico, che rappresenta il fine ultimo dello studio effettuato.